Seleziona una pagina

STORIA

Filo. Ago. Dedizione.

Visione creativa, gesti fuori dal tempo che assemblano sapientemente saper fare e sensibilità estetica.
Napoli e la sua centenaria tradizione sartoriale nel cuore. Questo è da sempre Anna Matuozzo.

Negli anni Settanta, fra i chiaroscuri caravaggeschi di un laboratorio ronzante di macchine per cucire ed idee che aspettavano il loro momento per concretarsi in modelli, limava i suoi strumenti e la sua tecnica una donnina minuta e fremente di energia. Se vi foste trovati a passare lì davanti ed a chieder chi fosse, quasi certamente vi avrebbero risposto: “una camiciaia…Tutto ha inizio negli anni Settanta, in uno dei tanti laboratori artigianali della città partenopea. Una camiceria. Dove, tra ago, forbici, filo e tessuti, Anna forma quello che senza ombra di dubbio è un talento innato. Un’abilità che si manifesta, come per un miracolo, tra le sue mani dando forma a traiettorie ora lente ora repentine. A gesti precisi, che fendono l’aria con un’aura di sacralità.

Il talento si manifesta e si perfeziona, giorno dopo giorno: il nome di Anna Matuozzo inizia a passare di bocca in bocca tra gli uomini più eleganti della città.

Negli anni Ottanta crea i suoi modelli più innovativi. Nascono dalle sue mani opere uniche, impreziosite da vezzi sartoriali altrettanto unici.

È in questo periodo che la collezione delle sue creazioni si arricchisce di tre opere uniche, quelle di cui Anna sarà per sempre orgogliosa: Simona, Romina ed Antonella.
Tre figlie, tre ragazze, tre giovani donne, oggi, che hanno scelto di perpetuare nel prossimo futuro tutto il patrimonio di sapere e saper fare che Anna possiede e ha tramandato loro.

Quarant’anni di quotidiano lavoro sono passati da quel primo giorno. Lavoro guidato esclusivamente da passione e senso del dovere, dalla volontà di fare sempre meglio, di perfezionarsi impuntura dopo impuntura. Perché, chi la conosce può testimoniarlo: Anna è e vuole essere semplicemente una sarta. Le sue parole sono semplici, quanto profonda è la sua sensibilità creativa. Unica la sua maestria. Anna è e non vuole apparire. Per lei parlano i suoi capi, le sue camicie che attirano in Via Gramsci a Napoli uomini esigenti provenienti da tutto il Mondo.

Nessuna affettazione. Ostentazione e esibizionismo son parole bandite nella sua sartoria.
Ciò che conta davvero è l’autenticità della qualità artigianale di ciascuno dei capi che qui nascono. Il comfort e il piacere che si devono assicurare ai clienti.
Materiali eccellenti, lavorati eccellentemente. Punto.

Questo è Anna Matuozzo.

Questa sono i valori che la guidano da decenni.
Gli stessi che ha inculcato in Simona, Romina e Antonella.
Questo è il passato, il presente e sarà il futuro.